Ucraina: Venti di guerra. Di Maio presiede unità di crisi: “italiani invitati a rientrare in Patria”

Ucraina: Venti di guerra. Di Maio  presiede unità di crisi: “italiani invitati a rientrare in Patria”
di Ennio Bassi
Giorno dopo giorno la crisi ucraina scivola verso lo scenario peggiore. Il Presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, minaccia il Presidente Russo Vladimir Putin che risponde a tono creando di fatto uno stallo nelle trattative che quindi fa ritenere alla maggior parte degli osservatori che la guerra sia ad un passo. Uno scenario che ho visto l’Italia reagire di conseguenza.

Il ministro degli esteri Luigi Di Maio che presieduto ha presieduto l’unità di crisi della Farnesina alla fine ha invito i nosrri connazionali a rientrare al più presto. “Ho appena concluso una riunione  – ha detto di Maio – abbiamo deciso di invitare in via precauzionale tutti i cittadini italiani in Ucraina a rientrare nel nostro Paese con mezzi commerciali e abbiamo anche invitato a posticipare tutti i viaggi verso l’Ucraina. Lavoriamo tutti al fine di evitare un’escalation in Ucraina. Riconosciamo l’integrità territoriale dell’Ucraina ma manteniamo aperto il dialogo con Mosca”.

Molto fermo anche Biden, il quale in una telefonata  con Putin “è stato chiaro” avvisando il suo omologo che se la Russia dovesse invadere l’Ucraina gli Stati Uniti e gli alleati risponderanno in modo “deciso” e imporranno “costi severi” a Mosca. . La telefonata, come ha rivelato la Casa Bianca –  è stata organizzata ieri. Mosca aveva inizialmente suggerito lunedì ma la Casa Bianca ha spinto per oggi e la Russia alla fine ha accettato.

Gli Stati Uniti hanno nel frattempo ritirato la quasi totalità dei loro soldati rimanenti in Ucraina. Un sottomarino classe Virginia della Marina Usa , secondo quanto rivelato dall’agenzia russa Tass – è stato per altro intercettato dalle forze di Mosca nelle acque territoriali russe nel Pacifico.

Un fallimento inoltre si è rivelato tanto il colloquio il telefonico tra il segretario di Stato Usa Antony Blinken e il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov,  così come l’altro colloquio sempre telefonico tra Il presidente francese, Emmanuel Macron, e Putin. Toni amichevoli figli di “un dialogo sincero” tra i due presidenti ma nella sostanza nessun risultato apprezzabile è stato annunciato

Il presidente francese, nel tessere la sua tela diplomatica, incontrerà anche Biden, il tedesco Olaf Scholz e l’ucraino Volodymyr Zelensky. Ma al momento le aspettative per questo lavoro non sono troppo alte.

In Ucraina la situazione è sempre più tesa. Il ministero degli Esteri esortava i cittadini a “restare calmi, uniti all’interno del Paese, evitare azioni destabilizzanti e che creino il panico”.  E sulla stessa linea è il premier Zelensky  che insiste sul fatto che gli avvertimenti degli Stati Uniti su una possibile invasione russa dell’Ucraina “causano il panico”.

Non a caso nella capitale ucraina si moltiplicano falsi allarmi bomba che arrivano da telefonate o email in scuole o supermercati, paralizzando le normali attività e destando paura nella popolazione. Allarmi che, come se non bastasse, sommano tensione a tensione, creando sempre maggiore disagio ad una popolazione che nonostante tutto fino ad ora aveva mantenuto la calma.

(Associated Medias)  – Tutti i diritti sono riservati

DALLE PRIME PAGINE

Giovedì scorso il motore esterno dell'aria condizionata della villa sul lago di Garda del 39enne era in funzione. Segno che qualcuno si trovava all'interno. Così i Carabinieri hanno perquisito le stanze della residenza e hanno trovato nel cassettone del letto, nascosto, il proprietario, condannato all'ergastolo per omicidio, latitante e ricercato da 11 giorni. La prossima settimana l'uomo sarà interrogato - come persona informata sui fatti - nell'ambito dell'inchiesta per procurata inosservanza della pena

Leggi l'articolo completo >>

Fonte: Sky TG24

L'articolo Bozzoli, una chiamata, l’aria condizionata accesa e il cibo in frigo: come è stato trovato proviene da Italia24h.

Il Garante dei detenuti avvierà degli accertamenti sulle risposte della magistratura di sorveglianza, che ha respinto le richieste dei detenuti che chiedevano migliori condizioni all'interno dell'istituto. Uno dei detenuti ha denunciato l'assenza di acqua calda e il magistrato gli avrebbe risposto che "non è un diritto essenziale, ma una fornitura che si può pretendere solo in strutture alberghiere"

Leggi l'articolo completo >>

Fonte: Sky TG24

L'articolo Firenze, “Acqua calda non è diritto in cella”: verifiche del Garante a Sollicciano proviene da Italia24h.

Si pensa che il cadavere recuperato dall'Adda possa essere un 25enne egiziano disperso da alcuni giorni, riportato a galla dal maltempo. Nel Casertano si indaga per scoprire l'identità dell'uomo senza vita recuperato dal fiume Volturno

Leggi l'articolo completo >>

Fonte: Sky TG24

L'articolo Recuperano cadavere dal fiume Adda. Un altro corpo ritrovato nel fiume nel Casertano proviene da Italia24h.

Poco dopo le 20 i chicchi hanno colpito con forza e per alcuni minuti tetti, vetri di auto e lucernari e hanno costretto molte persone a rifugiarsi sotto tendoni e balconate. I fiumi Seveso e Lambro sono sotto monitoraggio ma non in emergenza. I vigili del fuoco hanno fatto una ventina di interventi nella zona Nord-Ovest della città, in particolar modo a Cornaredo e Bareggio, dove sono caduti diversi rami e alcuni alberi che hanno danneggiato vetture in sosta

Leggi l'articolo completo >>

Fonte: Sky TG24

L'articolo Maltempo, violenta grandinata a Milano: “Pezzi di ghiaccio come palle da biliardo”. FOTO proviene da Italia24h.

Il 1° luglio la Corte di Cassazione conferma le pronunce dei primi due gradi di giudizio: a uccidere Mario Bozzoli, la sera dell’8 ottobre 2015, è stato il nipote Giacomo. Quando i Carabinieri sono andati a cercarlo nella sua casa di Soriano, Lago di Garda, non c’era traccia di lui, della moglie e del figlio.

Qualche giorno dopo si è scoperto che il passaggio della Maserati Levante di Bozzoli è stata registrato nei pressi di Desenzano del Garda. Si fa strada l’ipotesi che sia all’estero.

 

Mentre viene emesso un mandato di arresto europeo, si scopre che sarebbe in Spagna. La moglie torna con il figlio in Italia il 5 luglio: circa una settimana prima della sentenza erano partiti per una “vacanza” che da Cannes li ha portati a Valencia e poi a Marbella. Lì le loro strade si sono separate. L'11 luglio la cattura

Leggi l'articolo completo >>

Fonte: Sky TG24

L'articolo Chi è Giacomo Bozzoli: l’omicidio dello zio, la sentenza d’ergastolo, la fuga e la cattura proviene da Italia24h.

ISTITUZIONI

BLOG

Alfonso Dell’Erario

Velia Iacovino